Siete qui:

  1. Home
  2. > Gusta
  3. > Gli itinerari del vino di...
  4. > Il vino moderno tra esperienza...
in orvieto
photogallery

Il vino moderno tra esperienza e innovazione

Vini in barriqueL'importanza del vino a Orvieto è di tutta evidenza, basti pensare che è tra le poche realtà al mondo in cui il nome della città coincide con quello del vino tipico. Ciò traspare nella storia, nei monumenti, ma lo si può toccare con mano anche aggirandosi in tutta semplicità per le vie del centro storico. Più difficile può risultare, invece, comprendere quanto sia complesso il lavoro di ricerca costante, attento - scientifico potremmo dire - che le cantine e i produttori devono compiere, a ogni vendemmia, per ottenere vini sempre migliori, mantenendo inalterate quelle proprietà che rendono unici i vitigni, il terreno e il microclima di queste colline. In una parola, come direbbero i cugini francesi, il terroir. Lungo questo itinerario potrete scoprire alcuni di questi segreti e le peculiarità di produttori grandi e piccoli che, forti della loro esperienza di viticoltori "d'annata", hanno saputo innovare la loro azienda e il loro vino con l'utilizzo di moderne tecniche enologiche. Peculiarità che attualmente le rendono famose in tutto il mondo.

Partendo da Piazza Cahen scendete verso Orvieto Scalo e immettervi sulla SS205 in direzione di Baschi. Superato il casello autostradale costeggiate l'autostrada fino al bivio per Castiglione in Teverina. Lungo i tagli stradali potrete notare facilmente quegli strati argillosi e sabbiosi, di colore giallo e grigio, che contraddistinguono tutti i terreni vitati compresi tra i fiumi Paglia e Tevere. Arrivati all'altezza del km 47,7 della SS205 noterete che i banconi d'argilla arrivano fin sulla strada. Per un occhio allenato è facile percepire anche le strutture geologiche tipiche di quei piccoli granelli di roccia che, trascinati per chilometri dalla forza delle onde di milioni di anni fa, sono diventati fertile suolo per le vigne. Poco più avanti, al km 47, al bivio per Bagnoregio-Graffignano svoltate a destra. Siete giunti a La Carraia.

Cantina storica orvietana, La Carraia è nata da un progetto comune tra la famiglia Gialletti, esperta nella viticoltura tradizionale, e la famiglia Cotarella. Diede inizio alla sua produzione nel 1988 con il più classico dei bianchi orvietani. Più tardi, nel 1995, la vera scommessa: con l'introduzione nel mercato locale di vini rossi ottenuti da vitigni internazionali, come il merlot e il cabernet sauvignon. Vitigni considerati "eretici", fino ad allora, in una zona dominata dal vino bianco. Odoardo Gialletti, il papà, sarà lieto di raccontarvi personalmente questa storia durante la vostra visita, magari passeggiando con voi tra i filari, affiancato dai due figli Mauro e Marco.

Dopo la visita, tornati sulla SS205 proseguite verso Baschi, superate il piccolo borgo medievale e prendete in direzione Montecchio. Fin quando, mentre la strada comincia a salire tra i vigneti, troverete le indicazioni per la Cantina Falesco. Azienda tra le più note dell'Italia centrale, la Falesco nasce dalla passione e dalla professionalità dei fratelli Renzo e Riccardo Cotarella, entrambi enologi, profondamente radicati in questa terra a cavallo tra Lazio e Umbria. Nel 1979 nasce la prima Cantina Falesco a Montefiascone, nel Lazio; poi, nel 2000, l'acquisto della Cantina Marciliano, nei pressi del paese di Montecchio, in Umbria, e in pochi anni il risultato della produzione di milioni di bottiglie vendute in tutto il mondo. Il progetto dei fratelli Cotarella si contraddistingue per la ricerca di una conoscenza sempre più approfondita del territorio, dei suoi terreni, del clima e soprattutto dei vitigni autoctoni. Come il roscetto, dal quale si ottiene il vino Ferentano, unico nel suo genere e assolutamente da non perdere. Inoltre, se sarete fortunati, potreste anche assaggiare alcune tra le migliori annate del vino più famoso, il Montiano, un raffinato merlot in purezza invecchiato in barrique che dal 1993, anno della sua prima uscita, continua a ricevere apprezzamenti da tutta la critica mondiale.

Orvieto città del vino - Itinerario 5

Il vino moderno tra esperienza e innovazione

DURATA DEL PERCORSO: 30 minuti (soste escluse); mezza giornata con le soste

LUNGHEZZA DEL PERCORSO: 40 km (comprese le diramazioni per raggiungere le cantine)

GRADO DI DIFFICOLTÀ: strade statali e provinciali facilmente percorribili in auto

PARTENZA e ARRIVO: da Orvieto verso Montecchio

CANTINE DA VISITARE:
(si consiglia di concordare la visita telefonicamente)

Azienda Vinicola Falesco

Loc. San Pietro
05020 Montecchio (TR)
Tel. +39 0744 9556
info@falesco.it
www.falesco.it

Cantina La Carraia

Loc. Tordimonte 56
05018 Orvieto (TR)
Tel. +39 0763 304013
info@lacarraia.it
www.lacarraia.it

Altre produzioni tipiche

OLIO

Cooperativaa Oleificio Montecchio (C.O.M.)
Via S.Martino 3
05020 Montecchio (TR)
Tel. +39 0744.951170
oliodimontecchio@libero.it
www.oleificiomontecchio.it

LAVORAZIONI CARNI SUINE

Scianca Lavorazione Carni Suine
Via Teverina 13
05020 Montecchio (TR)
Tel. +39 0744 951040
Fax: +39 0744 951715

FORMAGGI CAPRINI

Azienda Agricola Basili Danilo
Loc. La Padella 38
05018 Orvieto (TR)
Tel. +39 0763 305086
Cell. +39 349 7861153
Cell. +39 329 6977824
www.danilobasili.com
azienda.basili@gmail.com

FORMAGGI E MIELE

Fattoria La Goccia
Località Poggente 37
Orvieto 05018 (TR)
Tel. +39 0763215034
Cell. +39 347 1405876
www.fattorialagoccia.it

menù