Siete qui:

  1. Home
  2. > Gusta
  3. > Gli itinerari del vino di...
  4. > Magie della muffa
in orvieto
photogallery

Magie della muffa

Vigne BarberaniL'itinerario si snoda lungo l'alveo del fiume Paglia per poi arrampicarsi, fin oltre 500 metri di quota, sulle colline che orlano il Lago di Corbara. Il bacino artificiale lungo il fiume Tevere ha donato a questi luoghi scorci panoramici suggestivi e un microambiente particolarmente favorevole alla produzioni di vini unici al mondo per piacevolezza e morbidezza: i vini muffati. Vini dalla tessitura pastosa e opulenta che devono il loro profumo maturo e profondo alla natura sabbiosa e calcarea dei terreni e a un fungo parassita, la Botrytis cinerea, che provoca un appassimento, aumentando il grado zuccherino dell'uva senza danneggiarla. È così che si realizza la dolce magia dei vini muffati dell'Orvietano.

Partiti da Piazza Cahen scendete verso Orvieto Scalo fino ad immettervi sulla SS205 in direzione Baschi-Todi. Superato il casello autostradale costeggiate l'autostrada. Davanti a voi e sullo sfondo noterete i Monti Amerini e il paese di Civitella del Lago, a baluardo della Valle del Tevere. Sempre seguendo la SS205 superate il ponte sull'A1 e svoltate a sinistra, seguendo le indicazioni per Todi e immettendovi così lungo la SS448. Dopo poche centinaia di metri comparirà un'imponente diga di sbarramento che, dalla fine degli anni Cinquanta del secolo scorso, bloccando il corso naturale del Tevere, dà vita al Lago di Corbara. Subito sopra la diga l'antico Castello di Corbara, grande villa fortificata costruita alla fine del tredicesimo secolo dalla nobile famiglia dei Montemarte, venuta in Italia al seguito del re di Francia Ludovico II.

Proseguendo lungo la SS448 fino a superare il piccolo ponte su uno dei rami del lago vi sembrerà quasi di toccare il paese di Civitella del Lago, sempre più vicino in linea d'aria. Poco dopo, giunti al km 2,4 al bivio per Cerreto-Montecchio svoltate a destra e salite lungo la strada asfaltata per qualche centinaio di metri, fino a raggiungere la Cantina Barberani. Vero baluardo della tradizione vitivinicola orvietana che, con le sue oltre cinquanta vendemmie, ha fatto della magia del lago e della gestione tutta in famiglia le sue peculiarità.

Ripresa la SS448, tornate indietro fino al km 2, dove un bivio vi condurrà al borgo di Corbara. Svoltate a destra e scendete costeggiando la grande diga che, da sotto, vedrete ancora più imponente. Una volta risaliti giungerete a un altro piccolo bivio e, svoltando a sinistra, dopo circa un chilometro di strada arriverete alla sede operativa dell'Azienda Castello di Corbara. Immettendovi di nuovo nella strada principale verso Corbara, attraversate il borgo e salite fino al bivio per Fossatello, la prossima località da raggiungere. Salendo di quota lungo i tagli stradali è possibile osservare "molto da vicino" quali potevano essere gli abitanti del mare del Pliocene di tre milioni di anni fa. Bivalvi e gasteropodi molto simili a quelli attuali, che spuntano in grandi quantità dalle argille color ocra. Ancora più in alto, sopra le argille con fossili, si possono notare anche frequenti strati di ciottoli arrotondati. Sono i testimoni del periodo più recente della storia geologica di questi luoghi: indicano infatti l'inizio della fase di ritiro delle acque del mare da queste terre, con il conseguente spostamento della linea di costa "tirrenica" nella posizione attuale. Prima di lasciare Corbara, non vi potranno sfuggire la Chiesa di Sant'Antonio e della Madonna Addolorata e la scalinata e il torrione dell'antico Castrum, oggi parte integrante della tenuta dove vengono custodite le bottiglie più pregiate tra i vini della DOC Lago di Corbara. Siete ormai sul crinale della collina dove la vista sempre più ampia sui Monti Amerini fa scorgere dall'alto, tra le strette valli coperte di macchia mediterranea, le acque blu del lago sottostante. Le vigne si perdono a vista d'occhio. Vi trovate ancora nella tenuta del Castello di Corbara, di fronte ad alcuni tra i vigneti più antichi dell'azienda.

Proseguendo tra ulivi e vigne ad un tratto, sulla collina di fronte, scorgerete la sontuosa Villa Barbi nella Tenuta Decugnano dei Barbi, azienda famosa dagli anni Settanta per aver importato nell'Orvietano, dalla terra del Franciacorta, la tecnica della rifermentazione in bottiglia applicandola ai vitigni locali, procanico e verdello. Sullo sfondo vedrete comparire anche il profilo del Duomo di Orvieto. Giunti a Fossatello, svoltando a sinistra all'altezza di una piccola edicola votiva, arriverete alla cantina dopo poche centinaia di metri e, al cancello dell'azienda, penserete sicuramente che da lì il paesaggio è una delle più belle scene mai viste. Anche se in realtà per gli appassionati di vino la meraviglia si cela sotto i piedi, all'interno delle grotte scavate nell'argilla dove, come in un ventre materno, vengono lavorati e conservati i preziosi spumanti. Il segreto della loro ottima qualità è proprio questa argilla, per la ricchezza di minerali che, oltre a donare freschezza e sapidità al vino, garantisce le condizioni ottimali di temperatura affinché possa riposare indisturbato negli anni.

Tornati verso Fossatello, proseguite per Colonnetta di Prodo. Le vigne che trovate sulla strada sono della Tenuta Freddano. La cantina, l'unica biologica certificata della zona, nasce dall'amore e dalla passione contadina di Giulio Freddano. Si raggiunge facilmente dalla strada principale e le prime viti di trebbiano che si incontrano, ancora produttive, risalgono addirittura al 1969.

Siamo ormai a 500 metri di quota, in località Colonnetta di Prodo. Giunti al bivio per Todi svoltate a destra, proseguendo per alcuni chilometri lungo tornanti e viste mozzafiato, fino a intravvedere da sopra lo splendido Castello di Prodo e sullo sfondo il lontano Terminillo. Lungo la strada sono ancora visibili alcune piccole cave da cui, anni fa, veniva estratto il cosiddetto "Marmo di Prodo", pietra da rivestimento venata e della consistenza del marmo dal caratteristico colore rosso, impiegata anche per la costruzione del Duomo di Orvieto.

Superato il Castello di Prodo, dopo alcuni chilometri, mentre il panorama cambia ancora e si sale in quota, si arriva al bivio per Titignano. Il magnifico castello-borgo di Titignano, raggiungibile dopo tre chilometri di strada bianca, fu edificato prima dell'anno 1000 dalla famiglia Montemarte. Nel 1830 il Principe Don Tommaso di Filippo Corsini di Firenze lo acquistò, a un'asta a lume di candela, dallo Stato Pontificio che lo aveva confiscato ai proprietari. L'attuale erede è la Marchesa Nerina Corsini Incisa della Rocchetta, proprietaria della fattoria di Salviano, della fattoria di Titignano e della fattoria di Vaglia, che insieme costituiscono un'unica azienda agricola denominata Fattorie di Titignano e Salviano estesa oltre tremila ettari. Dalla terrazza è possibile ammirare un panorama straordinario sulle Gole del Forello lungo le quali il Tevere, che qui scorre incassato nelle rocce calcaree, prosegue il suo cammino verso Roma.

Orvieto città del vino - Itinerario 2

Magie della muffa

DURATA DEL PERCORSO: 1,30 ora circa (soste escluse); fino a un'intera giornata a seconda delle soste

LUNGHEZZA DEL PERCORSO: 50 km (comprese le diramazioni per raggiungere le cantine)

GRADO DI DIFFICOLTÀ: strade statali e provinciali facilmente percorribili in auto

PARTENZA e ARRIVO: da Orvieto a Titignano (frazione di Orvieto)

CANTINE DA VISITARE:
(si consiglia di concordare la visita telefonicamente)

Barberani - Azienda Agricola Vallesanta

Loc. Cerreto
05023 Baschi
Tel. +39 0744 950113
www.barberani.it
barberani@barberani.it

Azienda Castello di Corbara

Loc. Corbara 7
05018 Orvieto
Tel. +39 0763 304035
www.castellodicorbara.it

info@castellodicorbara.it

Tenuta Decugnano dei Barbi

Loc. Fossatello 50
05018 Orvieto
Tel +39 0763 308255
www.decugnano.com
info@decugnano.it

Azienda Vitivinicola Freddano

Loc. Fossatello
05018 Orvieto
Tel. +39 0763 308248
www.freddano.it
info@freddano.it

Fattorie di Titignano e Salviano

Loc. Titignano Orvieto
Tel. +39 0763 308 000
www.titignano.com
info@titignano.it

Altre produzioni tipiche

CARNI

Norcineria Oreto
Via Monte Amiata 5
05018 Orvieto
Tel. +39 0763 301817
www.oretonorcineria.it
info@oretonorcineria.it

MIELE

Azienda Agricola Casa Parrina
Località San Giorgio
05018 Orvieto
Tel. Tel. +39 0763302817
Cell. +39 3477452382
www.casaparrina.it
info@casaparrina.it

OLIO

Azienda Agricola Tor di Monte
Loc. Tordimonte, 14
05018 Orvieto (TR)
info@tordimonte.it
www.tordimonte.it
Cell. +39 339 8781104

FORMAGGI

Fattoria Ma'Falda
SS 79bis Km21
Prodo
05018 Orvieto
Tel. +39 0758 749646
Cell +39 331 5368503
www.fattoriamafalda.com
info@fattoriamafalda.com

Bianca Musumarra Bianca
Loc. Colonnetta di Prodo
05018 Orvieto
Tel.+39 0763 58891221

Saleppico
di Zappitelli Irede
Loc. Corbara 24
05018 Orvieto

menù